b_150_0_16777215_00_images_IMU_TASI.jpg

La Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208) ha apportato diverse e importanti variazioni all’IMU e alla TASI.

 

 

1. TASI ABITAZIONE PRINCIPALE: viene eliminata la TASI sull'abitazione principale per i proprietari e la quota TASI a carico degli occupanti/inquilini, quando per l'inquilino l'immobile in locazione è abitazione principale. Rimane invece in vigore la TASI per le abitazioni principali di lusso (Cat, A1, A8 e A9).

 

2. IMU SU IMMOBILI CONCESSI IN COMODATO D’USO GRATUITO: Per il 2016 è previsto che per gli immobili concessi in comodato gratuito, aventi determinati requisiti, la base imponibile, da assoggettare ad aliquota ordinaria IMU, venga ridotta del 50%.
I requisiti richiesti sono:

  • L’unità immobiliare sia concessa in comodato gratuito a parenti in linea retta di primo grado (genitori/figli);
  • Non possono essere concesse in comodato le abitazioni di lusso A/1-A/8-A/9;
  • Il comodante e il comodatario devono risiedere entrambi nello stesso comune;
  • Il comodante (colui che concede l’immobile) non deve possedere altri immobili abitativi in Italia, oltre all’abitazione in cui egli stesso risiede e a quella concessa in comodato;
  • L’immobile concesso in comodato deve essere adibito ad abitazione principale del comodatario (residenza anagrafica e dimora abituale);
  • Il soggetto passivo deve attestare il possesso dei suddetti requisiti nel modello di dichiarazione Imu da presentarsi entro il 30 giugno 2017;
  • Non è possibile effettuare più di un comodato;
  • Il contratto di comodato deve essere stipulato in forma scritta e registrato con apposito atto presso un qualunque ufficio dell’Agenzia delle Entrate entro 20 giorni dalla sottoscrizione, pena la validità del comodato dal mese successivo.

Per quanto premesso, si invitano i contribuenti che hanno usufruito dell’aliquota agevolata negli anni 2014 e 2015 per il comodato d’uso gratuito, a verificare la propria posizione in quanto coloro che hanno stipulato contratti non registrati e/o possiedono più di n. 2 immobili ad uso
abitativo nel Comune di Tortoreto, nell’anno 2016 non possono accedere all’agevolazione prevista dalla Legge 28 dicembre 2015, n. 208.

 

3. IMU TERRENI AGRICOLI: non è dovuta l’IMU per i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti ed IAP iscritti nella previdenza agricola.
In particolare nel Comune di Tortoreto sono esentati anche i terreni agricoli siti in zone “svantaggiate”.

 

4. ALIQUOTE IMU – TASI 2016:

IMU

ALIQUOTA DI BASE

0.82%

ALIQUOTA IMMOBILI GRUPPO “D” (ESCLUSA CAT. D/10)

0.76%
ALIQUOTA ABITAZIONE PRINCIPALE DI LUSSO CAT. A/1, A/8 E A/9) E RELATIVE PERTINENZE 0.5%

ALIQUOTA TERRENI AGRICOLI

0.76%
ALIQUOTA PER IMMOBILI POSSEDUTI DA CITTADINI ITALIANI NON RESIDENTI NEL TERRITORIO DELLO STATO 0.76%
ALIQUOTA PER IMMOBILI CONCESSI IN USO GRATUITO A PARENTI DI 1° GRADO CON CONTRATTO REGISTRATO 0,82% (SUL 50% DELLA BASE IMPONIBILE)

 

TASI

ALIQUOTA DI BASE 0.1%

 

5. VERSAMENTI DA EFFETTUARSI TRAMITE MODELLO F24 CON SCADENZE 16 GIUGNO e 16 DICEMBRE 2016:

CODICE COMUNE: L307

CODICI TRIBUTO IMU:
3918 altri fabbricati
3915 aree fabbricabili
3912 abitazione principale (A/1 – A/8 – A/9) e relative pertinenze
3913 fabbricati rurali ad uso strumentale
3914 terreni agericoli

CODICI TRIBUTO TASI:
3961 altri fabbricati
3960 aree fabbricabili
3958 abitazione principale A/1-A/8-A/9
3959 fabbricati rurali ad uso strumentale