La Repubblica riconosce il 10 febbraio quale 'Giorno del Ricordo'  "al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale". (legge n. 92 -30 marzo 2004)

Anche l'Amministrazione Comunale di Tortoreto ricorda una delle pagine più tristi nel nostro paese: migliaia di italiani massacrati in Istria, Dalmazia e Venezia Giulia tra il 1943 e il 1945.

La data del 10 di febbraio diventa opportunità per meditare su quanto accaduto condannando ogni forma di violenza e auspicando che le nuove generazioni possano emanciparsi dall'odio e dal pregiudizio. La storia non si nega ma si rafforza con il ricordo, guardando un orizzonte di speranza dove non c'è posto per l'estremismo nazionalista, gli odi razziali e le pulizie etniche.